SANTUARIO DEI SANTI MARTIRI PELLEGRINO E ALBERICO CRESCITELLI


Vai ai contenuti

Menu principale:


Feliciano Orlando

PERSONAGGI ALTAVILLESI

Feliciano Orlando
Orlando nasce ad Altavilla Irpina il 12 febbraio 1801 da Michele, avvocato, e Saveria Villani. Leggiamo tra i suoi scritti:" ..ancora giovinetto mi introdussi nella sala del Giudicato Regio. Andai in Napoli; colÓ mi accolsero successivamente gli studi illustri del Sign. Vincenzo de Monti, senatore del Regno e del Sign. Pietro Roberti".
Laureatosi all'universitÓ di Napoli, esercita la professione nel capoluogo partenopeo e poi presso la cancelleria del Tribunale di S. Maria Capua Vetere. E' in questi anni che aderisce idealmente ai moti rivoluzionari nel napoletano. Nel maggio del 1843, insieme ad Antonio Puchetti, avvocato, e l'ingegnere Francesco Palmieri parte dalla cittÓ campana. Lo scopo del viaggio Ŕ quello di far fortuna proponendo al Gran Visir della cittÓ di Costantinopli in Turchia, la realizzazione di una linea telegrafica su pali. I primi studi sul telegrafo sono del 1820 ma solo nel 1844, Ŕ possibile passare all'impiego pratico. Il primo telegramma Ŕ del 1844 ed Ŕ inviato da Washington a Baltimora. L'irpino in Turchia, non conosceva nessuno e quando la sua proposta non viene accettata Ŕ costretto a recarsi a Smirne per ottenere appoggi per la realizzazione del progetto. Nel periodo che Ŕ lontano dalla capitale ottomana, l'idea viene presa in considerazione e solo il dissidio con gli altri due soci, fa fallire definitivamente la trattativa. Ma Orlando non vuole far ritorno in patria, forse anche per motivi politici. A Smirne si occupa di dar lezioni di lingua italiana e incomincia ad avere contatti con i diplomatici. E' qui che assiste a delle riunioni dei fratelli Bandiera e soci; fa amicizia con altri emigrati politici quali Micciarelli e Panetti. Il 13 marzo 1857, dopo alterne disavventure, viene nominato console del Gran Ducato di Toscana che pi¨ tardi e precisamente nel 1860, sarÓ fuso nel Consolato Generale d'Italia. Di ritorno nella sua amata Altavilla, si stabilisce al Corso al numero civico 85. Onorato dalla comunitÓ locale, dopo aver ricoperto la carica prima di consigliere e poi di sindaco del comune, muore il 6 maggio 1884.


PAGINA INIZIALE | ALTAVILLA IRPINA | ATTIVITA' PASTORALI | VIA CRUCIS "RAPPRESENTATA" | LE CHIESE | I SANTI | PRESEPE VIVENTE | ATTIVITA' PARROCCHIALI | GRUPPI ECCLESIALI | PERSONAGGI ALTAVILLESI | IL MUSEO | IL GIORNALE | NEWS - ECO DI ALTAVILLA - | CONTATTI | CARTOLINA | EVENTI | LA NEVE AD ALTAVILLA 2012 | LINKS | TEATRO COMUNALE | CONFRATERNITE | LEGAMI STORICI | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu